Questo è il periodo dell’anno in cui in azienda ci si dedica alla definizione delle strategie e alla pianificazione per il futuro.
Mai come in questo momento in cui il clima di incertezza e timore incide pesantemente sulle decisioni future, le attività di pianificazione e budgeting sono di fondamentale importanza.

Perché fermarsi a pensare?

Per capire se “dove si sta andando” coincida con “dove si vuole andare”.

Per rivedere gli obiettivi prefissati, verificare se siano ancora realistici e raggiungibili e definirne dei nuovi.

Per verificare se la struttura attuale sarà in grado di portarci al raggiungimento di quanto ci stiamo prefiggendo o se debbano essere fatti investimenti o cambiamenti.

Strumenti e presupposti

La pianificazione strategica ha come obiettivo quello di definire la mission aziendale per i prossimi 3/5 anni e le strategie previste per il raggiungimento di questa.

Il budget è il documento contabile-amministrativo riferito al prossimo anno. Ha un dettaglio maggiore rispetto alla pianificazione in quanto deve riuscire a predisporre un bilancio previsionale corredato da Conto Economico, Stato Patrimoniale e Rendiconto Finanziario.

Questi due strumenti devono essere complementari.

Ci sono alcuni presupposti che conferiscono efficienza a questi processi:

  1. Una cultura aziendale che preveda la centralità della comunicazione
  2. La definizione dei ruoli all’interno dell’azienda per poter identificare chi decide, chi pianifica, chi esegue e chi controlla e con quali risorse
  3. Il coinvolgimento dei manager per accrescere la motivazione, acquisire informazioni preziose e misurare i risultati ottenuti
  4. Una funzione di Controlling demandata a queste attività.

Effetti Covid19

Per poter pianificare sono essenziali le analisi dei dati relativi alle gestioni passate e lo studio di scenari futuri diversi, che considerino gli eventi possibili, per modellare i dati previsionali. Mai come ora è fondamentale stabilire obiettivi e modellare diversi scenari per raggiungerli.

La pandemia non ha fatto altro che incrementare l’importanza delle informazioni e della capacità di analizzare e comprendere i dati.

Per prevedere i dati del 2021 è necessario guardare gli scostamenti con la pianificazione a lungo termine che era stata fatta, con il budget 2020 e con i forecast del 2020 che, a causa della pandemia, sono stati sottoposti a diversi fattori esterni legati non solo ai mercati ma soprattutto alle restrizioni politiche che hanno inciso in modo diverso nei vari settori.
Il confronto con i dati attesi pre-pandemia è di fondamentale importanza perché questi rappresentano le aspettative a cui bisognerebbe di nuovo tendere per il futuro.

Un modo alternativo di procedere che in questo momento potrebbe aiutare molto è quello di partire da uno dei pochi dati certi: i costi fissi. Si potrebbe procedere alla definizione del budget partendo dai costi e definendo il punto di break-even.

Sottovalutare queste attività potrebbe avere impatti significativi sull’andamento futuro dell’azienda.

Approfondisci con l’articolo redatto dalla nostra consulente Silvia Cuter, che dal 26 novembre sarà nuovamente in aula per la seconda Edizione del Percorso di Controlling – Regesta Academy.

Guarda la testimonianza dei partecipanti alla scorsa edizione.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto
Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto